Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il piacere di parlare di sé

Qual è l’argomento di conversazione preferito della maggior parte di persone? Parlare di se stesse. In media ci impegniamo a raccontare le nostre esperienze soggettive per il 30-40%  delle parole che proferiamo. Perché lo facciamo? Perché ci piace. Lo abbiamo sempre saputo, ma ora abbiamo anche il conforto dell’evidenza neurobiologica. In uno studio appena pubblicato su PNAS ("Disclosing information about the self is intrinsically rewarding"), Diana Tamir e Jason Mitchell della Harvard University hanno mostrato attraverso tecniche di neuroimaging  che parlare di quanto ci riguarda da vicino (rispetto ad altri argomenti) attiva i circuiti mesolimbici della ricompensa (in particolare nucleo accumbens, a area tegmentale ventrale), gli stessi sensibili a sesso, cibo, cocaina e denaro. Non solo, pur di scegliere le domande che consentivano loro di parlare di sé, i soggetti dell’esperimento si sono mostrati addirittura disposti a guadagnare fino al 25% meno di quanto avrebbero potuto scegliendo altri argomenti di “conversazione”.  

Pur di condividere con gli altri i nostri pensieri siamo pronti a pagare di tasca nostra.. 

Cervello parla di se
Come capita spesso, le spiegazioni evoluzionistiche del perché il nostro cervello sia programmato in questo modo si sprecano. Gli autori concludono che “svelare i nostri pensieri interiori a chi ci sta intorno può servire a perpetuare comportamenti che sottostanno all’estrema socialità della nostra specie”.   Il che, occorre ammettere, non aggiunge granché a quanto già sapevamo. Ma ci aiuta a capire perché blogghiamo, aggiorniamo di continuo il nostro stato su Facebook, condividiamo foto e twittiamo. Semplicemente, farlo ci dà piacere. 

 

  • carl |

    Mah..? E perchè non propendere (o almeno menzionarla) per la spiegazione più semplice, o semplicistica, quella imperniata sull’egocentrismo..? D’altra parte dall’articolo sembra emergere (o percepire) un’equivalenza tra il “parlare di quanto ci riguarda da vicino..” e il “condividere con gli altri i nostri pensieri”..Mentre non sempre c’è equivalenza, o una qualche equivalenza. Infatti una cosa è parlare di sè e altra, o ben altra, è o può essere l’esprimere le nostre opinioni su questo o quell’argomento. A patto, ovviamente, che le si esprima razionalmente, ossia meditamente ed imparzialmente, o il più imparzialmente possibile. Solo una razionalità esercitata e ben nutrita tende all’imparzialità. Anche da sè stessi.

  Post Precedente
Post Successivo